giornalismo banner

Home GIORNALISMO
30 ANNI DI GIORNALISMO

Quella che sarebbe diventata una professione, incomincia nel 1988 con una fanzine amatoriale dedicata al mondo della musica underground italiana: Notazine.

Grazie a quell'esperienza si aprono le porte della neonata redazione di Hard! - La Rivista di Musica Robusta che esce nel mese di marzo del 1990. Il fertile service editoriale di cui fa parte sforna riviste come Rock Show, DeeJay Show, Esquire e opere a fascicoli sugli argomenti più disparati, da Amico PC a videocorsi su diverse discipline artistiche, tenuti da docenti Vip. In dieci anni di edicola escono cento numeri di Hard!, viene tradotto per un periodo anche in Spagna, crea un best of chiamato Monsters! che vanta un tentativo di pubblicazione in America e diversi speciali sui gruppi più in voga del momento.

Quando la gloriosa rivista K lascia lo Studio Vit ha bisogno di nuovi redattori: è il periodo dei videogiochi, degli speciali sulle nuove console, dei primi computer. Grazie a questa esperienza e a una buona dose di faccia tosta, tramite Tiziano Sclavi inizia la collaborazione con la collana degli Almanacchi della Sergio Bonelli Editore con una rubrica dedicata ai videogame che dura dal 1988.

Nel 2006 nasce Noir Magazine, pubblicazione 'a tema' che vanta le firme di prestigiosi addetti del settore, da Lucarelli a Picozzi, al collega dei tempi di Esquire, A. G. Pinketts: una coraggiosa avventura editoriale che permette una grande creatività sugli argomenti proposti.

La conoscenza del settore videoludico offre numerose occasioni sulle testate più disparate, tra cui Grazia. Un coccodrillo su Ronnie James Dio nel 2010 segna l'inizio della collaborazione con Metal Maniac, orientata soprattutto alle storie di copertina. Le interviste 'da copertina' continuano su You Tech, cui si affiancano articoli su Best Movie, il sito Internet di Rolling Stone e, dal gennaio 2013, Classic Rock Lifestyle, l'edizione italiana della prestigiosa rivista britannica. Dalla chiusura di Metal Maniac l'avventura continua online con la nascita di Loud and Proud.

Luca Fassina