musica banner

Home GIORNALISMO Musica
#1 giugno 2020

Hard Rock Magazine 1Intervista - IL DOMINIO DEI CARNIVORI
I Body Count festeggiano i 30 anni con CARNIVORE che promette di superare le più sanguinarie aspettative. I californiani creatori di quell’hardcore che promuove il crossover tra metal, funk, rap, riprende la strada intrapresa nel 2014 con MANSLAUGHTER e proseguita con BLOODLUST, nel 2017. A parlarci della nuova 'fatica', il bassista Vincent Price, pseudonimo di questo musicista che ha attraversato i decenni suonando nelle band più disparate. Inizia la sua carriera con una punk band che cerca un bassista; è il 1983 e lui vuole suonare la chitarra, ma si adatta. Suona poi nei World In Pain, nei Tourniquet, negli Steel Prophet, quando si fa ancora chiamare Vince Dennis...

Intervista - THEY ARE AN AMERICAN BAND
Cosa succede quando quattro mostri sacri del metal si trovano per commemorare il rock americano degli anni Settanta? Nascono i BPMD: Mark Menghi non è nuovo ai supergruppi (Metal Allegiance) e per i BPMD ha voluto coinvolgere gli amici Bobby Blitz Ellsworth (Overkill), Mike 'Octopussy' Portnoy (Transatlantic, Winery Dogs, Dream Theater…) e Phil Demmel (Vio-Lence, Machine Head).

Intervista - SONG BABYBOOM
I Within Temptation regalano ai fan il nuovo singolo Entertain You. Questo è un momento di gloria per la band di Sharon Den Adel e suo marito Robert Westerholt: dopo il successo internazionale di RESIST che li ha portati in America prima e nei festival europei l’estate scorsa, stavano per imbarcarsi nel Worlds Collide Tour con gli Evanescence quando il Covid19 ha colpito il mondo. Ma la loro creatività non si è fermata. Ce ne parla la cantante dalla quarantena.

Intervista: PRONTI A RIPARTIRE
Prog rock made in USA: cinquant’anni di carriera per i Kansas, festeggiati con il sedicesimo album THE ABSENCE OF PRESENCE. Per questa intervista corale abbiamo contattato Ronnie Platt (voce), Zak Rizvi (chitarrista e produttore) e Tom Brislin (tastierista), da sempre fan dei Kansas che ci raccontano l’emozione di suonare nella band e di aver fatto un nuovo disco.

Intervista: LARGO AI GIOVANI
DISCHARGE è l’esordio dei brasiliani Electric Mob, un disco fresco e al tempo stesso profondo. Con un nome che è già un programma - è un tributo a Electric Ladyland di Jimi Hendrix - sono una nuova band Frontiers, con la quale l’etichetta partenopea sta procedendo ad abbassare l’età media del suo catalogo. Il quartetto brasiliano, appena cento anni in quattro, si è formato a Curitiba, capitale dello stato del Paraná, quando il cantante Renan Zonta ha contattato il chitarrista Ben Hur Auwarter, per creare una nuova band. Non perdeteli di vista.

Recensioni:
Ozzy Osbourne - Ordinary Man
Body Count - Carnivore
Pure Reason Revolution - Eupnea
Metal Church - From The Vault
The Night Flight Orchestra - Aeromantic
Five Finger Death Punch - F8
Gotthard - 13
Pretty Maids - Maid In Japan - Future World Live 30th Anniversary
Crematory - Unbroken
Candlemass - The Pendulum
Byff Byford - School Of Hard Knocks
Altaria - Divinity
Cirith Ungol - Forever Black
Axel Rudy Pell - Sign Of The Times
Pino Scotto - Dog Eat Dog
Dennis DeYoung - 26 East - Volume 1
FM - Synchronized
Her Chariot Awaits - S/T
One Desire - Midnight Empire
Nightwish - Human :II: Nature
Smackbound - 20/20
Electric Mob - Discharge
The Wild - Still Believe In Rock And Roll
Kore Rozzik - Vengeance Overdrive
Paradise Lost - Obsidian
BPMD - American Made
Kansas - The Absence Of Presence
Triptykon - Requiem (Live At Roadburn 2019)
Spirit Adrift - Divided By Darkness
Havok - V
Horisont - Sudden Death
Naglfar - Cerecloth
Picturesque - Do You Feel O. K.?

11 giugno 2020

 
#91 - giugno 2020

CR91Intervista - THE RAISE OF THE ELECTRIC MOB
DISCHARGE
è uno dei migliori debut album degli ultimi anni. A realizzarlo quattro ragazzi brasiliani con tanto talento ed energia: nati come Laguna, hanno - per fortuna - trovato il proprietario di un club che ha fatto loro notare quanto fosse un nome… poco incisivo. Il cantante Renan Zonta e il chitarrista Ben Hur Auwarter ci raccontano gli inizi di questa avventura.

Intervista - PROG METAL OPERA
I progressive metaller inglesi Haken festeggiano i dieci anni dall’esordio di AQUARIUS con un disco complesso che ha profonde radici nella storia della band. Con un titolo come VIRUS, il cantante Ross Jennings ha dovuto persino fare un video comunicato per spiegare come l’album fosse in lavorazione da molto tempo e non stesse semplicemente cavalcando la pandemia che ha sconvolto il mondo.

Intervista - WANG DANG E ALTRE STORIE
Blitz, Portnoy, Menghi e Demmel. Quattro pilastri del metal assieme per un tributo al rock americano degli anni Settanta. Si sentiva la mancanza di un altro supergruppo che si mette a fare cover? Dopo un primo momento di indecisione, superando i pregiudizi del caso, la risposta è: cazzo, sì! Ecco la storia di come Mark Menghi (Metal Allegiance) ha chiamato a sé Bobby Blitz Ellsworth (Overkill), Mike Portnoy (Transatlantic, Winery Dogs, Dream Theater…) e Phil Demmel (Vio-Lence, Machine Head).

The Dirt
La chiusura di Mariposa a Milano.

Speciale Anni '70
AC/DC, Alice Cooper, Doors, Judas Priest, Van Halen
I 40 migliori live

Recensioni:
Public Practice - Gentle Grip
Carpenter Brut - Blood Machines
Shrapnel - Palace For The Insane
Haken - Virus
Electric Mob - Discharge
BPMD - American Made
Blut - Hermeneutics
Witches Of Doom - Funeral Radio
Kore Rozzik - Vengeance Overdrive
Atavist - III: Absolution
Nightwish - Human :II: Nature
Hank Von Hell - Dead
Paralydium - Worlds Beyond
Smackbound - 20/20

27 maggio 2020

 
#90 - maggio 2020

CR-90Intervista - IL DOMINIO DEI CARNIVORI
I Body Count festeggiano i 30 anni con CARNIVORE che promette di superare le più sanguinarie aspettative dopo BLOODLUST!

Intervista - IT IS ONLY ROCK’N’ ROLL…
I canadesi The Wild sono arrivati alla prova del nove. Come andrà? Dylan Villain ci racconta la sua versione.

Intervista - DURI E PREZIOSI
I Paradise Lost hanno ultimato un disco monumentale e tagliente come il suo titolo, OBSIDIAN: un nuovo, imprevedibile cambio di direzione.

Recensioni:
The Wild - Still Believe In Rock And Roll
Paradise Lost - Obsidian
David Sancious - Eyes Wide Open
Heavy Pettin’ - 4 Play
Unanimated - Ancient God Of Evil/In The Light Of Darkness
Winterfylleth - The Reckoning Dawn
Pino Scotto - Dog Eat Dog

27 aprile 2020

 
StarsSystem - 40 anni di 'Iron Maiden'

Starssystem iron maiden'Iron Maiden', il disco che ci ha spiegato l'heavy metal.

Natale 1979. Gli Iron Maiden sono un quintetto londinese, capitanato da Steve Harris, un bassista tifoso del West Ham United. Sono assieme da quattro anni e sono riusciti a costruirsi uno zoccolo duro di fan che cresce giorno dopo giorno. Suonano quello che il giornalista Geoff Barton da qualche mese ha identificato col termine di New wave of British heavy metal e hanno suscitato l’interesse della EMI...

 
Loud and Proud: 40 anni di 'Iron Maiden'

iron maiden 40 anniTributo corale ai quarant'anni di un disco che ha cambiato la storia della musica e ha lanciato gli Iron Maiden nel gotha dell'heavy metal. Un disco che quelli bravi definirebbero seminale perché ha messo in cinta cervelli di decine di persone che avrebbero creato band e contagiato altri e così via. Altro che Covid19.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 57